Oggi ho pensato di condividere uno spezzone del film-documentario “Voci del Popolo Contadino, voci di tamburo” .
Il documentario racconta della musica popolare contadina patrimonio dei paesi vesuviani e ai monti che affacciano sulla Costiera Amalfitana, attraverso le “Ultime Voci” di questa straordinaria cultura.

La scena che ho scelto, mostra due amici che si rivedono dopo tanto tempo.
É bello notare come essi si riconciliano attraverso il canto.

In particolare il video ci mostra il tipico canto a distesa campano “A Fronna ‘e Limone”  che si riferisce, appunto, a due amici che si ritrovano dopo tanto tempo.

Dall’audio presente si evince la gioia di questo canto arricchito con melismi cromatici e microintervalli terminanti sulla tonica (1),  sua caratteristica peculiare.
Senza andare troppo nello specifico tecnico possiamo dire che il suono emesso è un suono presente, chiaro, forte ed eufonico.

Perchè?
Ciò avviene perchè c’è la chiara volontà di esprimere un sentimento di gioia forte, di richiamo e di farsi “notare” dall’altro interlocutore, in questo caso dall’amica che non si aspettava di rivederlo dopo tanto tempo.

Cosa ci fa capire questo?
Ci fa capire come il corpo si assoggetta alla nostra volontà e si lascia guidare da essa trasferendo tutta la sua energia vitale nella voce.

Quindi quando vogliamo farci sentire, chiedere aiuto, esprimere un qualsiasi sentimento è chiaro come le nostre emozioni, la mente, tutto il nostro corpo lavorano sinergicamente ed in pochissimi secondi organizzano e trasferiscono all’esterno il suono relativo.
Ne risulta, pertanto, un suono bello e forte e in questo caso particolare risonante, “appoggiato” nei risuonatori frontali del viso, anche questa caratteristica peculiare di questo tipo di canto popolare.

(1) Roberto De Simone – CANTI E TRADIZIONI POPOLARI IN CAMPANIA
Editore: LATO SIDE 19 (1979)
https://www.youtube.com/playlist?list=PLjTm5BQoe47nhs6oX54PNen6rw3BffKjr

Zi Giannino e Zi Viola due voci eterne –
Film-Documentario “Voci del Popolo Contadino, voci di tamburo ” ,
attraverso il personaggio di Antonio “o’ Lione” Matrone.
Video completo https://youtu.be/TsbKO2cLzPA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *